Benvenuto su Bonsaglio Online

LEVEL LE20623 LCOO E.636.169 BUSSOLENO

Marche: Level Le model
Codice Prodotto: LEVEL LE20623
Punti fedeltà: 169
Disponibilità:
In Magazzino
Prezzo: 169,00€ Prezzo in punti fedeltà: 5070

Riproduzione in perfetta scala 1:87 della locomotiva E.636.169 di seconda serie delle FS, nello stato di inizio anni ’70 (epoca IVa). Livrea castano/isabella con carrelli castano. Assegnata al deposito di Bussoleno.

Tutti i dettagli del modello conformi con l’epoca di ambientazione: carrelli con boccole di tipo Athermos fedelmente riprodotte, montatoi dei manovratori modificati di tipo largo con corrimano supplementare, prese d’aria ad orecchio sulle fiancate nella disposizione di origine, tientibene sul ricasco dell’imperiale di tipo corto di origine, due tergicristalli per cabina, supporto reggibandiera centrale d’origine, priva di trombe sul tetto, tachigrafo meccanico Hasler di vecchio tipo e rubinetto del freno moderabile in cabina con volantino rosso, smorzatori tra le semicasse, accoppiatori del freno moderabile sui panconi, respingenti moderni e fanali di origine, priva di Ripetizione Segnali. Gocciolatoi frontali e rubinetto di sicurezza pantografi esterno. Pantografi di tipo 42 Unificato con strisciante centinato.

A partire dal 1963 le 10 locomotive E.636 (unità 162- 171) dotate sperimentalmente di boccole per gli assi di tipo “Athermos” furono assegnate al deposito di Bussoleno, per prestare servizio sull’impegnativa linea del Fréjus, e contestualmente dotate del dispositivo bitensione 3 kV/1,5 kV per operare nel piazzale di Modane. Limitando il raggio di azione di queste macchine ad una sola linea risultava più semplice la verifica del funzionamento delle boccole sperimentali rispetto alle boccole tradizionali di cui erano dotate le altre E.636 che svolgevano gli stessi servizi su quella linea. Nonostante il buon esito della sperimentazione, l’utilizzo delle boccole “Athermos” non ebbe seguito per mancanza di assi di ricambio (diversi dallo standard), ed a fine anni ’70 tutte queste macchine risultavano riconvertite alle boccole a rulli tradizionali.